La gratuità dell’amore

La gratuità dell’amore

Sabato  I Settimana di Quaresima
Dt 26,16-19     Sal 118    Mt 5,43-48

Il vangelo di oggi è molto esigente, è la misura dell’amore cristiano, del cristiano che ama sul serio. Gesù ci invita a non illuderci sul nostro modo di amare. La parola di oggi ci offre il parametro con il quale confrontarci per capire quanto autentico e vero possa essere il nostro modo di amare e soprattutto chi amare. Certo è facile amare solo coloro che corrispondono al nostro modo di amare, ma questo non è il modo a cui ci chiama Gesù. Egli vuole che sappiamo amare guardando Lui che, per amore, ha donato la sua vita per tutti, senza alcuna differenza. Questa è la caratteristica dell’amore cristiano: avere da Cristo la forza di saper amare ogni suo prossimo. Il vangelo ci mette sempre nell’ottica della verità di noi stessi, ci scuote da ogni torpore, ogni volta che ci adagiamo sulla comodità di vivere il vangelo a nostra immagine e somiglianza, rimanendo nella nostra cerchia sicura senza farci “toccare” dalla spada tagliente della parola. La preghiera diventa la via per far si che possiamo ricevere dal Padre la forza per essere capaci di amare ogni fratello, con lo stesso amore che ci ha donato suo Figlio Gesù.

Signore Gesù, donaci un cuore umile che riconosca la nostra incapacità di amare i “nemici”, e donaci la forza del tuo Spirito, perché sappiamo amare con il tuo stesso amore!

Dalle Ammonizioni [FF 158]
Dice il Signore: “Amate i vostri nemici e fate del bene a quelli che vi odiano, e pregate per quelli che vi perseguitano e vi calunniano”. Infatti, ama veramente il suo nemico colui che non si duole dell’ingiuria che l’altro gli fa, ma spinto dall’amore di Dio brucia a motivo del peccato dell’anima di lui, e gli mostra con le opere il suo amore.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio