Essere compassionevoli

Sabato,V Settimana Tempo ordinario
1Re12,26-32;13,33-34    Sal105     Mc 8,1-10
Santa Scolastica, vergine

L’amore compassionevole del Padre è il fulcro di tutta la storia della salvezza, è stata la compassione del suo cuore nel vedere la sofferenza umana, l’uomo lontano da Lui, a spingerlo a donarci il suo unico Figlio. Nel vangelo odierno Gesù, vedendo le folle, ne sente compassione, si immerge nella situazione di sofferenza della gente ormai stanca, si prende cura di loro, si fa prossimo concretamente, dando loro da mangiare.
Noi siamo strumento nelle mani del Signore per patire-con, offrendo il nostro aiuto attraverso la prossimità al fratello,  l’ascolto e la vicinanza concreta in un suo bisogno.
La compassione è coinvolgimento di tutta la persona, non è solo un sentimento ma una scelta concreta, un farsi carico della sofferenza altrui, è l’opposto dell’indifferenza.

Padre, donaci un cuore compassionevole, affinché possiamo essere segno concreto del tuo amore.

Dalla Leggenda maggiore di san Bonaventura [FF 1028]
Dio infatti aveva infuso nell’intimo del giovane Francesco un sentimento di generosa compassione verso i poveri, che, crescendo con lui dall’infanzia, gli aveva riempito il cuore di bontà, tanto che già allora, ascoltatore non sordo del Vangelo, si propose di dare a chiunque gli chiedesse, soprattutto se chiedeva adducendo a motivo l’amore di Dio.

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio