Domenica 18 febbraio 2018, Iª DOMENICA DI QUARESIMA

Domenica 18 febbraio 2018, Iª DOMENICA DI QUARESIMA

Dal Vangelo

Marco 1,12-15
In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano. Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

Dalle Fonti

Celano 137: FF 721
Mentre Francesco si trovava a Siena, giunse colà un frate da Brescia. Desiderava molto vedere le stimmate del Padre e scongiurò con insistenza frate Pacifico a ottenergli questa possibilità. Questi gli rispose: «Quando starai per ripartire di qui, gli chiederò che dia da baciare le mani. Appena le avrà date, io ti farò un cenno cogli occhi, e tu potrai vederle». Quando furono pronti per il ritorno, si recarono ambedue dal Santo. Inginocchiatisi, Pacifico dice a Francesco: «Ti preghiamo di benedirci, carissima madre, e dammi la tua mano da baciare!». Subito la bacia, mentre egli l’allunga con riluttanza, e fa cenno al compagno di guardarla. Poi chiede l’altra, la bacia e la mostra all’altro. Quando stavano allontanandosi, venne al Padre il sospetto che gli avessero teso un pio inganno, come era in realtà. E giudicando empia quella che era soltanto una pia curiosità, richiamò subito frate Pacifico: «Ti perdoni il Signore – gli disse – perché ogni tanto mi rechi grandi pene». Pacifico si prostrò subito e gli chiese umilmente: «Quale pena ti ho recata, carissima madre?». Francesco non rispose e la cosa finì nel silenzio.

Alla vita
Israele per 40 anni nel deserto toccò con mano la precarietà. Alle spalle c’era la memoria dell’Egitto: una prigionia dura ma sicura (“avevamo cipolle e stavamo seduti presso la pentola della carne”); di fronte, invece, l’incognita di una libertà che sapeva di morte. Emergeva così la tentazione e la mormorazione: “Perché Dio ci ha fatti uscire dall’Egitto per farci morire qui?”. Dice Dio: “Ti ho fatto camminare nel deserto per umiliarti, provarti e per sapere quello che avevi nel cuore” (Dt 8,2). Ma Dio già sapeva cosa c’era nel cuore dell’uomo; era Israele che doveva toccarlo con mano. Nel deserto, luogo della privazione, egli scoprì infatti alcune cose davvero importanti di sé: la propria debolezza, la difficoltà di gestire la libertà, la fiducia in Dio che viene meno nel momento della mancanza. E in particolare imparò che cosa fosse davvero essenziale; sperimentò infatti che nonostante le difficoltà “non si era logorato il suo mantello e non si era consumato il suo sandalo”. La Quaresima è il deserto che ci chiama all’essenzialità per riscoprire come davvero Dio guidi il nostro cammino e come sia vero che non di solo pane vive l’uomo. È il tempo della verità di sé, del non nascondersi dietro un filo d’erba per dire che “io certe cose non le provo” (anche Gesù le ha provate!). Il tempo dell’autenticità: guardarmi dentro e dirmi dov’è il mio cuore, per ricentrarmi sulla Parola.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio