Domenica 11 febbraio 2018, VIª DOMENICA TEMPO ORDINARIO

Domenica 11 febbraio 2018, VIª DOMENICA TEMPO ORDINARIO

Dal Vangelo

Marco 1,40-45
In quel tempo, venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi! ». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse: «Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro». Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte.

Dalle Fonti

2 Celano 129: FF 713
Il Santo disse pure una volta: «Si deve provvedere a frate corpo con discrezione, perché non susciti una tempesta di malinconia. E affinché non gli sia di peso vegliare e perseverare devotamente nella preghiera, gli si tolga l’occasione di mormorare. Potrebbe infatti dire: – Vengo meno dalla fame, non posso portare il peso del tuo esercizio –. Se poi, dopo aver consumato vitto sufficiente borbottasse, sappi che il giumento pigro ha bisogno degli sproni e l’asinello svogliato attende il pungolo». Fu questo l’unico insegnamento nel quale la condotta del Padre non corrispose alle parole. Perché soggiogava il suo corpo, assolutamente innocente, con flagelli e privazioni e gli moltiplicava le percosse senza motivo (Pr 23,29). Infatti il calore dello spirito aveva talmente affinato il corpo, che come l’anima aveva sete di Dio, così ne era sitibonda in molteplici modi anche la sua carne (Sal 62,2) santissima.

Alla vita
Mi ha sempre colpito l’affermazione del lebbroso: “Se vuoi, puoi purificarmi”. Non è difficile immaginare il senso delle parole “se vuoi”; esse riflettono un rispetto profondo per Gesù a cui viene riconosciuta libertà sovrana e da cui non si pretende che operi il miracolo, ma glielo si chiede con umiltà e trepidazione. Invece mi sono spesso chiesto il perché del “puoi purificarmi”. Di sicuro il lebbroso riconosce un potere di Gesù: egli se vuole ha la capacità di purificarlo; non si parla soltanto di una guarigione fisica, ma anche di una riammissione alla comunità sociale da cui i lebbrosi erano esclusi. Tuttavia questa frase ai miei orecchi suona sempre più come una concessione che un riconoscimento; come se il lebbroso concedesse una facoltà a Gesù. In effetti è così: Dio non può nulla se non gli concediamo di entrare nella nostra intimità, nella sfera del nostro “privato” o del nostro “già progettato e stabilito”. La facoltà che Dio non ha, è quella di entrare prepotentemente in casa nostra e operare “di testa sua” per guidarci al bene. Questa facoltà occorre concedergliela.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio