Vivere la Chiesa

Giovedì II Settimana Tempo Ordinario
1Sam 18,6-9;19,1-7      Sal 55        Mc 3,7-12

Il Vangelo di oggi segna il passaggio tra Gesù e la Chiesa, tra Lui e noi. In concreto possiamo vedere l’inizio della Chiesa, la gente che viene addosso a Gesù; cos’è la chiesa, una piccola barca; chi c’è all’interno della chiesa, gente ferita che vuol toccare, entrare in comunione. Dall’altra parte ci sono i demoni che sanno tutto e vorrebbero annunciare chi è Gesù, ma Gesù lo proibisce perché il problema non è saper tutto, il problema è toccarlo.
Come è stato allora è ancora oggi: chi fa parte della Chiesa vive l’esperienza della debolezza che diventa forza nelle mani del Signore. Il cammino potrebbe sembrare faticoso, impegnativo, ma tutti possiamo ricevere la Grazia del Signore perché Lui è lì pronto a lasciarsi toccare. Se si vive nella Chiesa si vive questa esperienza di comunione che il credente sperimenta con il suo proprio cammino! Non si tratta di sapere semplicemente chi è il Signore … questo lo fanno i demoni, coloro che “tagliano la strada” e che non sono interessati a camminare, ad essere pazienti lasciandosi plasmare, convertire dallo Spirito nella docilità, semplicità, disponibilità … senza voler essere i primi, senza invidiare, senza vivere dispute e gelosie.

Donaci Signore di essere persone trasparenti, che sanno lavorare, guardare ai fratelli e vivere nella Chiesa senza sospetto, con generosità e benevolenza.

Dalla Leggenda dei tre compagni [FF 1482]

Molto egli aveva faticato nella vigna del Signore, sollecito e fervente nelle orazioni, nei digiuni, nelle veglie nelle predicazioni e peregrinazioni evangeliche, nella cura e compassione verso il prossimo, nel disprezzo verso se stesso: e ciò dai primordi della conversione fino al giorno che migrò a Cristo.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera. www.comunitasorelle.org”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio