La compassione

Giovedì, I settimana Tempo Ordinario
1Sam 4,1b-11      Sal 43     Mc 1,40-45

Gesù ha compassione del lebbroso. Da poco trascorso il Natale abbiamo contemplato la sua incarnazione. Dio ci ha donato Gesù perché ha avuto compassione della nostra umanità, della nostra miseria, della nostra povertà umana e spirituale. Gesù continua a manifestare la compassione del Padre, si fa carico della sofferenza umana, è vicino ad ogni uomo che lo invoca, si fa prossimo, è presente a chi lo cerca con cuore sincero. Oggi questo atteggiamento è chiesto anche a noi, essere compassionevoli con chi è più debole, con chi soffre, con chi ci chiede aiuto. Chiediamo che lo Spirito susciti in noi i sentimenti di Cristo!

Signore Gesù, donaci di saper tendere la mano a chi soffre nel corpo e nello spirito.

 Dalle Ammonizioni  [FF 167]
Beato l’uomo che offre un sostegno al suo prossimo per la sua fragilità, in quelle cose in cui vorrebbe essere sostenuto da lui, se si trovasse in un caso simile.

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio