Che bella novità!

Lunedì II Settimana Tempo Ordinario
1Sam 15,16-23    Sal 49   Mc 2,18-22

Il pezzo di stoffa grezza usato per rattoppare un vestito vecchio è uno spreco inutile: il tessuto nuovo crea tensione sulle cuciture e porta via qualcosa alla stoffa vecchia. Così, dice Gesù, si finisce col perdere l’uno e l’altro.
Ma, se uno è in Cristo, è una nuova creatura. Qualche volte ci accontentiamo di “rammendare” alla meno peggio le questioni della vita, cercando di salvare il salvabile. Ma il risultato è sempre un po’ logoro, poco attraente. Gesù vuole per noi qualcosa di molto più bello, una completa novità, una gioia piena. In Cristo Gesù, le cose vecchie sono passate (2Cor5,17): non sono più le tensioni della Legge antica a regolare la vita, ma la gioia festosa di un banchetto di nozze, l’amore di uno Sposo vivo e presente. E’ questo amore che ci dà il coraggio di essere veri, di cambiare dentro, attraverso l’accoglienza di una  relazione nuova, viva e personale con il Signore Gesù.

“Dinanzi a me hai preparato una mensa e il mio calice trabocca”
(Sal 23,5)

Dalla Vita prima di Tommaso da Celano [FF 500]
Francesco, allietato di nuova speranza per l’immensità dell’amore, progettava di ricondurre quel suo corpo stremato di forze alla primitiva obbedienza dello spirito. […] E diceva: “Cominciamo, fratelli, a servire il Signore Iddio, perché finora abbiamo fatto poco o nessun profitto!”. Non lo sfiorava neppure il pensiero di aver conquistato il traguardo e, perseverando instancabile nel proposito di un santo rinnovamento, sperava sempre di poter ricominciare daccapo.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Comunità francescana delle sorelle
ARTICOLO DI: Comunità francescana delle sorelle

“Siamo sorelle francescane... Sorelle perché condividiamo la gioia della consacrazione totale della nostra vita a Dio, vivendo insieme in comunità. Nell'apostolato e nella laicità della vita ordinaria, desideriamo essere sorelle di tutti testimoniando e aiutando a conoscere la consolazione di Dio per ciascuno. Francescane perché ci piace e cerchiamo di imitare il modo semplice e radicale di seguire il Signore Gesù che San Francesco e Santa Chiara ci hanno indicato. "Pane e Parola" è una preghiera che abbiamo scelto di vivere accanto alle lodi mattutine. Il Vangelo del giorno, pregato e meditato comunitariamente davanti a Gesù Eucaristia, è per noi il mandato quotidiano che ci incoraggia e sostiene nel vivere la nostra vocazione. Nello spirito di comunione e collaborazione con i frati, accogliamo volentieri l'invito a condividere il testo che prepariamo ogni giorno per questa preghiera.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio