Domenica 10 dicembre 2017, IIª DI AVVENTO

Domenica 10 dicembre 2017, IIª DI AVVENTO

Dal Vangelo

Marco 1,1-8
Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio. Come sta scritto nel profeta Isaìa: «Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via. Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri», vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati. Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

Dalle Fonti

Lettera al Capitolo e a tutti i frati 43-47: FF 224-225
E poiché, chi viene da Dio ascolta le parole di Dio (Gv 8,47), noi perciò, che siamo deputati ai divini uffici, in modo tutto speciale, dovremmo non solo udire e compiere quello che dice Dio, anzi di più, dovremmo, per radicare in noi l’altezza del nostro Creatore e in Lui la nostra obbedienza, custodire i vasi sacri e i libri liturgici che contengono le sue sante parole. Ammonisco, perciò, tutti i miei frati e in Cristo li conforto perché, ovunque troveranno le divine parole scritte, come possono, le venerino e, per quanto spetti ad essi, se non sono ben custodite o giacciono sconvenientemente, disperse in qualche luogo, le raccolgano e le custodiscano onorando nella sua parola il Signore che ha parlato. Molte cose, infatti, sono santificate mediante le parole di Dio (1Tm 4,5), e in virtù delle parole di Cristo si celebra il sacramento dell’altare.

Alla vita

Voce e ascolto sono le due dimensioni sulle quali è richiamata, oggi, la nostra attenzione dal Vangelo e dalle Fonti. Voce è Giovanni, il messaggero che riempie di attesa i deserti, che ricorda all’uomo la possibilità di aprire strade anche là dove la sabbia uniforme pare non lasciar cogliere direzione, perché il Regno del Signore non sorge dal nulla, ma esige uomini e donne che si impegnino a costruirlo, convertendosi, raddrizzando i sentieri devianti ogni giorno. C’è poi un ascolto che rigenera, che fa muovere, che dà vita sempre nuova alle parole. È l’ascolto di quelli che sanno immergersi nella Parola e riaffiorare da Essa con il cuore cambiato, di quelli che non si accontentano di presenziare ai riti, agli uffici divini, ma continuano a celebrare il Signore negli spazi quotidiani dell’esistenza. E allora si fanno essi stessi voce, eco della buona notizia di Dio.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio