Lunedì 6 novembre, TUTTI I DEFUNTI DEI TRE ORDINI FRANCESCANI

Lunedì 6 novembre, TUTTI I DEFUNTI DEI TRE ORDINI FRANCESCANI

Dal Vangelo

Luca 14,12-14
In quel tempo, Gesù disse al capo dei farisei che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».

Dalle Fonti

2 Celano 58: FF 644
Un’altra volta, stava tornando da Verona con l’intenzione di passare per Bologna, quando udì che vi era stata costruita una nuova casa dei frati. Poiché la voce diceva «casa dei frati», egli cambiò direzione e passò altrove non andando a Bologna. Mandò poi a dire ai frati di uscire subito da quella casa. Per questo motivo, lasciato il luogo non vi rimasero neppure i malati, ma furono fatti uscire assieme agli altri. Né fu dato permesso di ritornarvi sino a quando il Signor Ugolino, allora vescovo di Ostia e Legato in Lombardia, predicando proclamò davanti a tutti che la suddetta casa era sua. Ne è testimone e riferisce il fatto uno che trovandosi ammalato, fu in quella occasione allontanato dalla casa.

Alla vita

La povertà assunta e predicata – con la testimonianza di vita – da Francesco d’Assisi traccia le coordinate di un rapporto evangelico con le cose e con le persone, il cui fondamento è la scelta di “essere senza nulla di proprio”, ovvero di non rivendicare diritti su niente e su nessuno. Cercare il contraccambio significa entrare in una logica mercantile – quella che il Santo assisiate aveva radicalmente contraddetto – in cui il valore è proporzionato a un “prezzo” misurato ponendo se stessi – ciò che giova a me – come parametro di riferimento. Il mercante cerca l’utile, il profitto; se questa prospettiva si insinua nelle nostre relazioni con gli altri inevitabilmente – e, ciò che è più grave, a volte inconsapevolmente – si utilizzeranno le persone come merce di scambio, per ottenere dei favori. E così, anche rispetto alle cose, i criteri saranno quelli dello scarto e dello spreco, soffocando alla radice la gratitudine e la gratuità. La povertà, scelta nel nome di Cristo e del suo Vangelo, è l’antidoto ad ogni patologia del possedere: essa apre lo sguardo sul dono che mi è offerto ogni giorno, sulla responsabilità di custodirlo e di farne opportunità di incontro, di riconoscenza, di lode. Amministratori della Grazia di Dio, siamo mandati a condividerla nelle periferie di quelli che non hanno nulla da dare, nulla da perdere, ma che, cercando in noi cristiani “un’altra giustizia”, ci chiedono di mettere nella vita il Vangelo.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio