San Francesco oggi

San Francesco oggi

Siamo nel pontificato del primo papa di nome Francesco. Ricorre, poi, quest’anno il V centenario della Bolla di papa Leone X (1517) con la quale tentò di unire le litigiosissime famiglie francescane del I Ordine, ma che ironia volle producesse invece divisioni (eterogenesi dei fini?). Papa Francesco nel 2013 si rivolse ai frati di Assisi dicendo: «Bravi, dovete rimanere uniti!». In questo tempo di protagonismo e di scatenato individualismo «CredereOggi» intende con questo fascicolo interrogare il francescanesino sulla sua attualità e sull’idoneità e vigoria della sua testimonianza non solo per la chiesa (cf. papa «Francesco»), ma anche per il mondo intero. Si parte dall’attualità (Merlo), si approccia la fecondità del pensiero francescano (Todisco), ci si interroga sulla povertà quale codice generativo (Bazzichi), si ne evidenzia il profilo spirituale concorde con l’oggi (Ceschia). Ma esiste ancora oggi una «questione francescana»? (Dolso) Quante divisioni nella fraternità francescana! Quale unità è possibile oggi? (Bertazzo) e quante sono, come e perché sorgono ancora «nuove» famiglie francescane (Betania). E poi san Francesco stimola un ecumenismo e un dialogo concreto, effettivo (Bejan), muove una moltitudine di pellegrini (Zapponi) non solo verso Assisi (solo luogo geografico?) (Impagliazzo). Qual è, in definitiva, il Francesco di papa Francesco? (Accrocca). Avvertiamo ancora la forza catalizzante di san Francesco? Forse anche oggi risulta più facile di fronte alla radicalità dei suoi gesti ripiegare sulla radicalità delle nostre buone intenzioni. Quale unità del mondo francescano? Quella dei minimi denominatori comuni?

San Francesco oggi, CredereOggi XXXVII (3/2017) n. 219, giugno 2017, EMP, pp. 228, € 9,50

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+2Email this to someone
Scaffale Francescano
ARTICOLO DI: Scaffale Francescano

“Uno scaffale virtuale dedicato alle pubblicazioni francescane, per essere informati. E per cedere alla tentazione di leggere...”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio