via crucis francescana 3/7

via crucis francescana 3/7

Pubblichiamo in 7 uscite il testo della via crucis animata dalle comunità francescane conventuali della provincia di Padova il 7 aprile 2017 presso la Basilica del Santo a Padova.

TERZA STAZIONE – GESU’ E’ CARICATO DELLA CORCE E AIUTATO DA SIMONE DI CIRENE
(Comunità San Francesco - Monselice)

Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.
Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Dal Vangelo secondo Marco  (15,16-21) – l soldati lo condussero dentro il cortile, cioè nel pretorio, e convocarono tutta la truppa. Lo vestirono di porpora, intrecciarono una corona di spine e gliela misero attorno al capo. Poi presero a salutarlo: «Salve, re
dei Giudei!», E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano davanti a lui. Dopo essersi fatti beffe di lui, lo spogliarono della porpora e gli fecero indossare le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo. Costrinsero a portare la sua croce un tale che passava, un certo Simone di Cirene, che veniva dalla campagna, padre di Alessandro e di Rufo.

RIFLESSIONE - Gesù subisce ogni sorta di umiliazione, fisica, psichica, morale, spirituale. Sembra che tutti si facciano beffe di Lui. Non è neppure nominato il suo nome in questi versetti. Quanto è vero che dietro il volto di Gesù si nasconde il volto di molti cristiani perseguitati per la fede, perseguitati in nome di Dio. fu molte parti del mondo, essere cristiano comporta diffamazione e pericolo di vita, talvolta fino a pagarne il prezzo con la morte! «Beati voi, quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli» (Mt 5,12). Nel paradosso evangelico delle beatitudini san Paolo si inserisce perfettamente con questa affermazione: «nulla potrà mai separarci dall’amore di Cristo» (Rm 8,39). Beati noi cristiani, che, camminando con Cristo, siamo chiamati ad essere come Lui, belli agli occhi del Padre, per il sublime dono d’amore che l’uomo, sulla misura di Cristo, è in grado di vivere. Il piccolo gesto di Simone di Cirene non è più semplicemente portare il peso della croce. Il Cireneo porta il dolce giogo dell’amore di Cristo che salva l’uomo.

INVOCAZIONI
⦁ Signore, perdonami per tutte le volte che intreccio a molti fratelli la corona di spine delle offese. Kyrie, eleison.
⦁ Signore, perdonami per tutte le volte che percuoto e mi faccio beffe dei miei fratelli più in difficoltà. Christe, eleison.
⦁ Signore, perdonami per tutte le volte che svesto i miei fratelli della dignità di cui, il Padre, li ha rivestiti. Kyrie, eleison.
Pro peccatis suae gentis, / vidit Jesum in tormentis / et flagellis subditum.
Vidit suum dulcem Natum / morientem desolatum / dum emisit spiritum.

.

INVOCAZIONI

⦁ Signore, per tutte le volte che abbiamo giudicato e condannato ingiustamente. Kyrie, eleison.
⦁ Cristo, per tutte le volte che abbiamo ceduto alla voce della folla e dell’opportunismo. Christe, eleison.
⦁ Signore, per tutte le volte che abbiamo soffocato la verità e cercato solo il nostro interesse. Kyrie, eleison.

Quis est homo, qui non fleret, / Matrem Christi si vedere! / in tanto suplicio?
Quis non posset contristari, / Christi Matrem contemplari / dolentem cum Filio?

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Andrea Vaona
ARTICOLO DI: Andrea Vaona

“fr. Andrea Vaona - francescano conventuale, contento di essere frate. Nato sul limitare della laguna veneta, vive in città con il cuore in montagna, ma volentieri trascina il cuore a valle per il servizio ministeriale-pastorale e quello di insegnante di storia ecclesiastica in "Facoltà teologica del Triveneto" e nell’ "Istituto Teologico S.Antonio dottore" a Padova. Scrive (poco) e legge (molto). Quasi nativo-digitale, ha uno spazio web: frateandrea.blogspot.com per condividere qualche bit e idea.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio