Domenica 1 gennaio 2017, MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

Domenica 1 gennaio 2017, MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

Dal Vangelo

Luca 2, 16-21
In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Dalle Fonti

Leggenda Maggiore VI, 2-3: FF 1104-1105
Tutti i convenuti, a uno spettacolo così impressionante, furono pieni di meraviglia, perché conoscevano bene la vita austera di quell’uomo, e, profondamente commossi dicevano apertamente che una umiltà come quella si poteva, sì, ammirare, ma non certo imitare. Veramente questo fatto, anzi che un esempio, può sembrare un segno (Cfr Is 20,3), come quello che troviamo nel profeta Isaia. Ma in realtà fu una dimostrazione di umiltà perfetta, che insegna al seguace di Cristo la necessità di disprezzare gli elogi e le lodi passeggere, di reprimere il gonfiore e l’arroganza dell’ostentazione e di smascherare le menzogne fraudolente dell’ipocrisia.

Faceva molto spesso azioni di questo genere, in modo da sembrare, all’esterno, un vaso di perdizione (Cfr Sal 30,13) e, così possedere, dentro di sé, lo spirito di santificazione.

Alla vita
Lo stupore e la meraviglia sono atteggiamenti specifici che scaturiscono nell’animo umano dall’incontro con le cose di Dio. La Sua realtà si comunica e ci raggiunge in modalità inaspettate, imprevedibili, inattese; eppure si manifesta, al contempo, in forme semplici, nascoste, umili, quotidiane, silenziose. E’ proprio questo contrasto a generare in noi lo stupore e la meraviglia: non saremo mai pronti abbastanza ad accogliere e a scoprire ogni volta l’immenso nella piccolezza, l’eterno nell’effimero, la potenza nella debolezza, la grandiosità nelle cose umili, la bellezza in ciò che non attira il nostro sguardo. Dalla vulnerabilità e semplicità di un bambino adagiato in una mangiatoia, allo spettacolo inguardabile ed orrendo della crocifissione, Dio ci raggiunge e ci attira a sé e l’animo si scioglie attonito di fronte a ciò che mai avrebbe scelto o creduto possibile ma che al tempo stesso riconosce come proprio e familiare. Anche quando tutto questo accade nella vita di un uomo, di un santo, proviamo attrazione e paura per qualcosa da noi distante eppure avvertito quanto mai desiderabile e riconosciuto come nostra vera identità.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+1Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio