Storia della gatta Eméline e di Frate Francesco che le insegnò l’amore

Storia della gatta Eméline e di Frate Francesco che le insegnò l’amore

Dalle antiche testimonianze su Chiara d’Assisi sappiamo che, nel convento di San Damiano, viveva una gatta, alla quale la santa era particolarmente affezionata. Non si sa come fosse giunta nel chiostro delle clarisse, né come si chiamasse e di quale colore fosse il mantello. Sappiamo, dalle testimonianze di suor Francesca, una delle prime compagne di Chiara, che «sora Gattuccia» le era amica fedele e premurosa.
In questo racconto, che commuoverà chi ama gli animali (e i gatti in particolare), ecco svelato il mistero di «sora Gattuccia». Un mistero che si nutre di amore, umanità e poesia. E che ci aiuta ad avvicinarci a uno dei cardini della spiritualità di Francesco, il santo che era solito chiamare tutte le creature (gatti compresi) con il dolce nome di «fratello» e «sorella».

Giuseppe Caffulli – Marina Cremonini, Storia della gatta Eméline e di Frate Francesco che le insegnò l’amore, Edizioni Terra Santa, Milano 2016, pp. 40, € 15,00

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Scaffale Francescano
ARTICOLO DI: Scaffale Francescano

“Uno scaffale virtuale dedicato alle pubblicazioni francescane, per essere informati. E per cedere alla tentazione di leggere...”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio