“Va’ secura…” perché Dio è anche Madre!

“Va’ secura…” perché Dio è anche Madre!

Ritorna la festa di Santa Chiara. Come ogni anno la nostra chiesa sarà strapiena, alle ore 11,00 dell’11 agosto. Ma… non sono tutti in ferie, in quel di Ferragosto?!? Da dove salta fuori tutta questa gente, disposta ad affrontare il caldo e il “peso” di una lunga e solenne concelebrazione?
Da qualche anno mi colpisce particolarmente la presenza di tante persone intorno alla nostra Santa, perchè si avverte che è proprio Lei il ‘motivo di  attrazione’ della festa; Chiara ha ancora qualcosa, forse molto, da dire all’uomo e alla donna di oggi.
Possibile?!?
Pare di sì. Intanto, si presenta come una ragazza coraggiosa, convinta delle proprie scelte. Una giovane volitiva, che scappa di casa pur di seguire l’ispirazione che vede incarnata in Francesco d’Assisi; che a malapena si lascia convincere da lui a recedere da penitenze eccessive e ad assumere il ruolo formale di abbadessa della fraternità di S. Damiano: lei avrebbe preferito servire le Sorelle, senza titoli.
Una donna forte, sotto vari aspetti; ma ben presto dovrà integrare, nella sua esperienza personale, anche la debolezza: soprattutto la fragilità del corpo, nella malattia prolungata… Forte e fragile, Chiara anche da ammalata si prende cura di tutte le Sorelle, le sorregge nelle prove dello spirito, le soccorre nei travagli della vita.
La sua maternità spirituale si esprime anche all’esterno del monastero: con la preghiera, la benedizione, è strumento di guarigione, nel corpo e nello spirito. Soprattutto verso i più piccoli – i mammoli – manifesta particolare affetto e attenzione; le mamme si rivolgono a lei nel momento dell’angustia, del pericolo, e Chiara non si sottrae al ministero dell’intercessione.
Sono convinta che la spiritualità di Chiara d’Assisi, come di ogni altro santo, non possa essere “letta” al di fuori della sua esperienza concreta. Alla luce di questa, anche le sue ultime – famose – parole: “Va’ secura in pace, però che averai bona scorta: però che quello che te creò, innanti te santificò; e poi che te creò, mise in  te lo Spirito Santo e sempre te ha guardata come la madre lo suo figliolo lo quale ama(Proc 3,20: FF 2986), trovano la loro giusta dimensione: Dio creatore, che da sempre dona a ciascuno il Suo Spirito santificatore, guarda ogni Sua creatura come una madre. Chiara ha “visto”, sperimentato, la custodia di questo Dio-Madre in tutta la sua vita e, nell’ultima ora, sente che la sua anima è ancora, e più che mai, al sicuro in questo sguardo d’Amore.
Ella ci mostra così la via della fiducia, sostanza profonda della nostra fede. Fiducia di non essere mai abbandonati a noi stessi, neppure nel momento del dolore, della morte o del peccato…
E, proprio per questa sua fiducia, credo sia ancor oggi “luce” e forza nel cammino di vita di tante persone.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Clarisse urbaniste
ARTICOLO DI: Clarisse urbaniste

“Sorelle Clarisse – Federazione urbanista. Donne che hanno scelto di seguire più da vicino Gesù, seguendo la testimonianza di vita di san Francesco e santa Chiara, nella vita fraterna, nella povertà e nella preghiera quotidiana. «Dietro una grata», come semplificando si sente dire dai più, per cercare di immaginarsi cosa sia la clausura e la vita contemplativa. La Federazione di Santa Chiara d’Assisi delle Monache Clarisse Urbaniste d'Italia è formata dai Monasteri che professano la Regola delle Suore di S. Chiara promulgata da Papa Urbano IV nel 1263. Da qui il nome di Clarisse Urbaniste. Siamo dislocate in tutta Italia e abbiamo 3 monasteri all’estero: in Venezuela, Messico e Romania. Info: www.clarisse.it”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio