Il padre misericordioso

Il padre misericordioso

È il primo libro di una nuova collana chiamata “Punti di incontro”. Parole per vincere l’ignoranza reciproca che è la causa principale dell’odio e dell’intolleranza. Per meravigliarsi assieme della bellezza e della forza della parola di Dio, comunque si faccia udire. Nella scoperta, nel rispetto e nell’ascolto l’uno dell’altro. La nostra risposta francescana ai muri e alle violenze.
In questo volume tre esponenti delle tre religioni monoteiste e un non credente commentano la parabola del padre misericordioso. L’introduzione è del card. Montenegro.
Ogni testo viene stampato per un verso in italiano e per l’altro in arabo, con traduzione a cura dei frati minori conventuali del Libano.
Il libro è per tutti.
Gli autori:
Elena Bosetti, religiosa, teologa biblista, già docente di ecclesiologia e di esegesi del Nuovo Testamento, si dedica al ministero della Parola e alla formazione biblica, in Italia e all’estero.
Haim Fabrizio Cipriani, rabbino formatosi alla tradizione italiana e chassidica, attualmente è a capo delle comunità ebraiche di Marsiglia, Montpellier e Tolosa.
Yahya Pallavicini, vice presidente della Comunità religiosa islamica italiana, è imam della moschea Al-Wahid di Milano e testimone di un islam spirituale, ortodosso ed ecumenico.
Vittorino Andreoli, studioso della psiche umana, grande comunicatore capace di coniugare l’analisi rigorosa e la partecipazione emotiva. Già direttore del Dipartimento di psichiatria di Verona e membro della New York Academy of Science è studioso dei comportamenti estremi e in particolar modo di quelli adolescenziali.
Vittorino Andreoli – Elena Bosetti – Haim Fabrizio Cipriani – Yahya Pallavicini, Il padre misericordioso (Punti d’incontro), EMP, Padova 2016, pp. 160 (metà in italiano e metà in arabo), € 11,00

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+2Email this to someone
Scaffale Francescano
ARTICOLO DI: Scaffale Francescano

“Uno scaffale virtuale dedicato alle pubblicazioni francescane, per essere informati. E per cedere alla tentazione di leggere...”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio