Domenica 24 aprile 2016, Vª DI PASQUA

Domenica 24 aprile 2016, Vª DI PASQUA

Dal Vangelo

Giovanni 13,31-33a.34-35
Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri».

Dalle Fonti

1 Celano, 65: FF 436
Pellegrinando per diverse e vaste regioni ad annunciare il Regno dei Cieli, Francesco giunse un giorno nella città di Toscanella. Qui, mentre, secondo il solito, spargeva il seme della salvezza, un cavaliere del luogo gli offrì ospitalità nella sua casa. Il figlioletto di lui, l’unico che aveva, era zoppo e tanto gracile da dover restare ancora nella culla, pur avendo oltrepassato l’età dell’allattamento. Vedendo quell’uomo di Dio così ripieno di santità, il cavaliere si gettò ai piedi di lui e umilmente gli chiese che glielo guarisse. Il Santo si riteneva del tutto indegno e incapace di una simile grazia e a lungo si rifiutò; ma poi, vinto dalle insistenti implorazioni di quel poveretto, acconsentì. Dopo aver pregato, stese le mani sul fanciullo, lo benedisse e lo invitò a levarsi; quello immediatamente, tra la gioia dei presenti, nel nome del Signore nostro Gesù Cristo, balzò dal suo giaciglio e cominciò a camminare perfettamente risanato.

Alla vita
E, come il nome, nel cui stile incomparabile l’opera del Padre assume forma compiuta, anche il comandamento giunge im-posto; sì, ma non come impostura arbitraria di un crudele tiranno. “L’amore dell’amante, infatti, non ha altra parola per esprimersi se non il comandamento” (Rosenzweig), all’imperativo, come l’invocazione del supplicante! Comandare l’amore significa e-vocarne l’accadere e, ad un tempo, in-vocarne la sua signoria: puro evento che, imprevedibilmente, squarcia i cieli di esistenze ottuse e chiuse su se stesse (Is 63,19; Mc 1,10; 7,18ss; 8,14-25; At 7,56; Ap 19,11; 21,25) e fa nuove tutte le cose (Is 43,18s; Gal 6,15; 2Cor 5,17; Ap 21,5). Non programmabile il suo avvento (o, ‘e-venire’), né ri-producibile serialmente al modo di una catena di montaggio; ancor meno, fabbricabile da una qualche forma ascetico-mistica di tecnica spirituale. L’amore, nella sua autenticità, si coniuga sempre all’imperativo, sorgivo del nuovo escatologico (Mc 2,21s): ad im-partire la grazia di percorsi inediti ed insperati – per quanto impegnativi (Mc 8,34ss; 10,28ss; Lc 9,57ss; Gv 1,43) – di fraternità pacificata ed edificata sulla parola mite del principe della pace.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio