Bartimeo di periferia – Mc 10, 46-52

Bartimeo di periferia – Mc 10, 46-52

Il Vangelo di oggi gioca tra periferia e main stream. Qui passa Gesù, risalendo da Gerico a Gerusalemme, con una compagnia che si arruola tra i selettivi. Non ne vuole sapere di poveracci – ciechi per di più – che, a parere del gruppo, non sarebbero degni né delle altolocate attenzioni  di Gerusalemme né quelle di Gesù. Bartimeo il cieco per loro è out. Scarto periferico, per giunta querulo e petulante, lungo un insignificante, statico e polveroso ciglio stradale. Fuori dal main stream che conta, che viaggia.

Gesù rompe questo loro atteggiamento discriminante e allora chi lo segue cambia bandiera. Incoraggia il cieco Bartimeo a farsi avanti, perché lui, il capo, Gesù, lo vuole. Bartimeo non se lo fa ripetere e, per arrivare prima, sgancia via il mantello – la sua unica e preziosa protezione. Gesù va subito al sodo con lui, niente intermediari né preamboli: «Cosa vuoi che faccia per te?». Altrettanto diretto e sodo Bartimeo risponde: «Che io riabbia la vista». La fede, la fiducia in Gesù lo salva e lo riaccende alla luce e alla vita. E al main stream, dietro a lui.

Ora anche lui passa dal ciglio periferico a dentro la via, come vorrebbe il più preciso testo greco.

Sei nel main stream se incontri Gesù. Condizione: grida, perché il main stream interno ed esterno non vuol saperne di periferie, né sociologiche né interiori. Quante inutili e frustranti autocensure ci trattengono da Gesù che passa a che potrebbe liberare e beneficare anche noi.

Gesù aspetta il tuo grido. Non che lui sia sordo. Aspetta che tu gridi a te stesso la tua voglia di incontrare lui, controcorrente verso tutti i main stream che, anche in buona fede, lo tengono lontano da te.

Quando gli griderai dietro?

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+1Email this to someone
Paolo Floretta
ARTICOLO DI: Paolo Floretta

“Fra Paolo Floretta è francescano conventuale. Laureato in filosofia e psicologia, è specializzato in psicoterapia. Ha lavorato al Messaggero di sant’Antonio, seguendo per alcuni anni lo sviluppo del web e il suo uso in chiave pastorle. Ha insegnato presso la Facoltà Teologica del Triveneto e si occupa di formazione e accompagnamento psicoterapeutico. Sta concludendo la specializzazione in teologia spirituale. Con don Marco Sanavio ha pubblicato Webpastore.it (EMP 2010).”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio