3 maggio 2015, quinta domenica di Pasqua, “Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla” (Gv 15,5)

3 maggio 2015, quinta domenica di Pasqua, “Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla” (Gv 15,5)

Dal buon pastore (domenica scorsa) ai tralci innestati alla vite: che bello questo vangelo in immagini! Gesù le coglie da quanto i suoi occhi e il suo cuore vedono nella sua terra.
Ancora una volta, così come con il buon pastore, la vite che assicura linfa vitale a tutti i tralci ci parla di intimità, di adesione forte: si noti il rimbalzo del verbo rimanere  in Lui. Contro ogni pretesa di autosufficienza, di individualismo e di superiorità, siamo ricondotti al centro della nostra vita: vivere-esserci in Lui, via-verità-vita nostra. E questo ci lega a tutti gli altri: i tralci sono innestati uno per uno, ma lo sono tutti alla stessa vite. Così ognuno attinge a modo suo Gesù, il quale non è proprietà esclusiva di alcuno, ed è linfa generosa per quanti scelgono di rimanere in Lui.
Gesù afferma qualcosa di rivoluzionario: Io sono la vite, voi siete i tralci. Facciamo parte della stessa pianta… La vite-Gesù spinge linfa in tutti i miei tralci e fa circolare forza divina per ogni mia fibra. Succhio da Lui vita dolcissima e forte… C’è un amore che sale lungo i ceppi di tutte le vigne, di tutte le esistenze, un amore che sale in me e irrora ogni fibra” (da p. Ermes Ronchi). È la bellezza del rimanere in Lui, una bellezza feconda di frutti: chi rimane in me e io in lui, porta molto frutto. Per tutti (…quasi quasi una frase da… Expo).

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Giovanni Voltan
ARTICOLO DI: Giovanni Voltan

“Ministro Provinciale della Provincia Italiana Sant'Antonio di Padova dei Frati Minori Conventuali. Prima di esserlo, formatore in vari conventi della Provincia. Licenziato in teologia e studi francescani, appassionato, nei tempi liberi, di cammino, di fotografia amatoriale, di seguire le sorti di Padova ed Inter.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio