Il sabato del silenzio liberante

Dopo la furia omicida del venerdì, il sabato tutto tace. C’è chi si dispera e si barrica dietro porte e paure. C’è chi attende contro ogni speranza.

Silenzio. Per Chiara è il linguaggio di chi ama. Francesco lo ha ricercato nei boschi e nelle quaresime. Lo ha imposto agli uccelli mente celebrava le lodi insieme con un suo confratello.

Oggi è il sabato giusto per imporsi una qualche forma di silenzio. Non solo per igiene comunicativa. Sarebbe già molto. Imporsi un po’ di silenzio per attingere al nostro diritto di senso. Di fronte alla morte sacrificale e redentrice di Gesù il silenzio ci permette di risintonizzarci  con le nostre domande più profonde; di accogliere questo dono bramato e, insieme, ingombrante; di risorgere dalle nostre morti infernali.

Oggi è il giorno giusto, il sabato santo.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Paolo Floretta
ARTICOLO DI: Paolo Floretta

“Fra Paolo Floretta è francescano conventuale. Laureato in filosofia e psicologia, è specializzato in psicoterapia. Ha lavorato al Messaggero di sant’Antonio, seguendo per alcuni anni lo sviluppo del web e il suo uso in chiave pastorle. Ha insegnato presso la Facoltà Teologica del Triveneto e si occupa di formazione e accompagnamento psicoterapeutico. Sta concludendo la specializzazione in teologia spirituale. Con don Marco Sanavio ha pubblicato Webpastore.it (EMP 2010).”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio