26 aprile 2015, 4ª di pasqua

26 aprile 2015, 4ª di pasqua

Dal Vangelo

Giovanni 10,11-18

In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio».

Dalle Fonti

Regola non bollata XII,1-6: FF 38

Tutti i frati, ovunque siano o vadano, evitino gli sguardi impuri e di frequentare le donne. E nessuno si trattenga in consigli né cammini solo per la strada né mangi alla mensa in unico piatto con esse. I sacerdoti parlino con loro onestamente dando la penitenza o qualche consiglio spirituale. E nessuna donna in maniera assoluta sia accolta all’obbedienza da alcun frate, ma una volta datole il consiglio spirituale, dove vorrà faccia penitenza. E tutti ci dobbiamo molto custodire, e dobbiamo mantenere le nostre membra pure, poiché dice il Signore: Chiunque avrà guardato una donna per desiderarla ha già commesso adulterio con lei, nel suo cuore (Mt 5,28). E l’apostolo: O non sapete che le vostre membra sono tempio dello Spirito Santo? (1Cor 6,19); perciò, se uno violerà il tempio di Dio, Dio distruggerà lui (1Cor 3,17).

Alla vita

Buon pastore e mercenario: contrapposizione netta tra vero e falso pastore. Il primo conosce le proprie pecore una a una, se n’accorge se ne manca una e la va a cercare; se vi sono pericoli le difende fino a dar la vita per loro. Il mercenario è pastore finto: a lui non importa delle pecore, è uno che sfrutta il servizio o che si serve d’esso per sé e i suoi interessi. Infatti, nel pericolo scappa e molla il gregge. In realtà il pastore vero è colui che conosce l’amore ed è amato dal Padre, è colui che la vita la può dare perché la possiede in abbondanza. E sempre per questo Gesù, il Pastore vero -e dunque anche buono e bello-, ci tiene a sottolineare che nessuno potrà mai portargli via la vita, ma sarà lui a donarla, o che la sua passione e morte non sarà un incidente di percorso, una violenza subita e sofferta, ma una scelta assolutamente libera, come è di tutto ciò che nasce dall’amore e dalla certezza d’esser amati.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Momenti Francescani
ARTICOLO DI: Momenti Francescani

“Momenti Francescani: La Parola nella Parole E’ la prima testata periodica edita in Italia a proporre la lettura quotidiana del Vangelo abbinata a un brano delle Fonti Francescane e ad una breve attualizzazione. Perché la scelta di questo format editoriale? Il Vangelo non per particolari motivazioni liturgiche, ma per seguire una pagina del “Breviario/evangeliario” di San Francesco in cui Frate Leone annotava come il santo avesse una particolare predilezione per questa lettura quotidiana. E le Fonti? Grande tesoro ancora a molti sconosciuto, oggi rappresentano un valido strumento per la conoscenza della figura storica, “psicologica” e spirituale di S. Francesco, oltre che della vita delle prime comunità francescane. Per l’uomo contemporaneo rappresentano ancora una finestra che permetta un respiro più ampio e una risposta alle sue istanze. Viene anche proposta un’attualizzazione per ogni giorno, concepita come cuneo capace di scardinare le posizioni del cuore dell’uomo odierno a volte indurito e “zoppicante.” L’opera si rivolge agli appartenenti all’Ordine Francescano Secolare d’Italia, ai membri dell’intera Famiglia Francescana, e a tutti coloro che sono attirati dalla ricchezza e dalla profondità del Vangelo e della spiritualità francescana. Momenti Francescani è edita dalla Cooperativa sociale francescana di multiservizi Fratelli è possibile – F. è P. è nata nel 2006 dall’ispirazione di tutta la Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare di Cesena come emanazione sociale legata alla propria intrinseca vocazione.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio