polisalmo di Francesco per questi giorni

polisalmo di Francesco per questi giorni

 Nel sovrabbondante desiderio di dare lode a Dio, Francesco amò integrare la preghiera liturgica della Chiesa con alcuni salmi da lui composti, che integrassero l’ufficiatura ‘obbligatoria’ soprattutto nei tempi forti. Sono ‘salmi’ o ‘polisalmi’ nei quali la creatività di Francesco si sposa con la sua profonda conoscenza del salterio e di tante pagine bibliche: si tratta infatti di composizioni meditate, raccogliendo versetti biblici di varia provenienza, quasi “collane di perle preziose” infilate in modo originale e bello perché la parola di Dio potesse risplendere di nuove cangianti interpretazioni e bagliori.

Questi testi sono confluiti nell’ “Ufficio della Passione”, una sezione degli scritti di Francesco che troviamo nelle Fonti Francescane (FF 279 ss).

Il Salmo XV (FF 303 ss) è dedicato al tempo “dalla Natività del Signore fino all’ottava dell’Epifania”. Oggi l’ottava di Epifania non fa più parte dell’uso liturgico della Chiesa, come invece al tempo di Francesco…: tuttavia il senso e la preziosità di questo testo ben può accompagnare la nostra preghiera fino al tempo ordinario. E forse suggerire anche a noi modalità creative di preghiera personale o di gruppo…

1 Esultate in Dio, nostro aiuto, * [Sal 80,2]
giubilate al Signore Dio vivo e vero con voce di gioia. [Sal 46,2]

2 Poiché eccelso e terribile è il Signore, * [Sal 46,3]
re grande su tutta la terra.

3 Poiché il santissimo Padre celeste, * [Sal 73,12]
nostro re prima dei secoli,
ha mandato dall’alto il suo Figlio diletto,* [1Gv 4,9]
ed egli è nato dalla beata Vergine santa Maria. [Mt 3,17]

4 Egli mi ha invocato: «Tu sei mio padre», + [Sal 88,27-28]
e io lo costituirò mio primogenito, *
più alto dei re della terra.

5 In quel giorno il Signore ha mandato la sua misericordia * [Sal 41,9]
e nella notte il suo cantico.

6 Questo è il giorno, che ha fatto il Signore: * [Sal 117,24]
esultiamo in esso e rallegriamoci.

7 Poiché il santissimo bambino diletto è dato a noi +
e nacque per noi lungo la via [Is 9,6 vg.]
e fu posto nella mangiatoia, * [Lc 2,7]
perché egli non aveva posto nell’albergo.

8 Gloria al Signore Dio nell’alto dei cieli, * [Lc 2,14]
e pace in terra agli uomini di buona volontà.

9 Si allietino i cieli ed esulti la terra, + [Sal 95,11-12]
frema il mare e quanto racchiude, *
gioiscano i campi e quanto contengono.

10 Cantate a lui un cantico nuovo; * [Sal 95,1]
cantate al Signore da tutta la terra.

11 Poiché grande è il Signore e degno di ogni lode, * [Sal 95,4]
è terribile sopra tutti gli dèi.

12 Date al Signore, o terre dei popoli, + [Sal 95,7-8]
date al Signore la gloria e l’onore, *
date al Signore la gloria del suo nome.

13 Portate in offerta i vostri corpi + [Sal 95,8]
e prendete sulle spalle la sua santa croce * [Lc 14,27]
e seguite sino alla fine i suoi santissimi comandamenti. [1Pt 2,21]

Gloria al Padre… Come era nel principio…

.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Andrea Vaona
ARTICOLO DI: Andrea Vaona

“fr. Andrea Vaona - francescano conventuale, contento di essere frate. Nato sul limitare della laguna veneta, vive in città con il cuore in montagna, ma volentieri trascina il cuore a valle per il servizio ministeriale-pastorale e quello di insegnante di storia ecclesiastica in "Facoltà teologica del Triveneto" e nell’ "Istituto Teologico S.Antonio dottore" a Padova. Scrive (poco) e legge (molto). Quasi nativo-digitale, ha uno spazio web: frateandrea.blogspot.com per condividere qualche bit e idea.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio