Si è fatto carne (Gv 1, 14)

Si è fatto carne (Gv 1, 14)

Tra tutte le cose più improbabili, eppure successe, c’è il discendere dio Dio verso l’uomo. Gesù si svuota della sua divinità e la riversa nella carne, prendendola estremamente sul serio. Mentre facciamo di tutto per escarnarci, Dio s’incarna. Sempre in controtendenza.

Il tutto nelle tenebre. Nel momento più oscuro della notte nasce e porta la propria luce. Per diventare Oriente non solo di chiese ma soprattutto di vite. Lotta non facile, ma già vinta. Oggi ne celebriamo solo gli inizi.

E’ bello goderne insieme anche quest’anno, dentro queste tenebre, sempre temporanee. Buon Natale è allora… Buona Luce.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Paolo Floretta
ARTICOLO DI: Paolo Floretta

“Fra Paolo Floretta è francescano conventuale. Laureato in filosofia e psicologia, è specializzato in psicoterapia. Ha lavorato al Messaggero di sant’Antonio, seguendo per alcuni anni lo sviluppo del web e il suo uso in chiave pastorle. Ha insegnato presso la Facoltà Teologica del Triveneto e si occupa di formazione e accompagnamento psicoterapeutico. Sta concludendo la specializzazione in teologia spirituale. Con don Marco Sanavio ha pubblicato Webpastore.it (EMP 2010).”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio