Lo spot più grande della storia (Mt 11, 11-15)

Lo spot più grande della storia (Mt 11, 11-15)

«Tra i nati di donna non è sorto uno più grande di Giovanni il Battista». Un testimonial del peso di Gesù nessuno lo avrà mai. Elogia suo cugino con termini inauditi.

Non si ferma qui: il vero spot e per qualcun altro. «Tuttavia il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui». Gesù vuol difendere dalla violenza il regno che soffre violenza a causa della sua azione di rottura con l’alleanza antica. Una rottura inevitabile, perché il Padre con Gesù cambia paradigma religioso. Già: come accettare a cuor leggero di essere introdotti gratis nella misericordia del regno senza la filiera rituale e legalistica controllata dall’establishment di Gerusalemme e dintorni. Come accettare un Dio fuori controllo? Come accettare che la grandezza sia quella davanti a Dio e non davanti a noi, come ha sottolineato Francesco? Il profetismo di Elia ripreso da Giovanni voleva proprio annunciare questo. Da qui la preoccupata curiosità indagante di scribi e farisei. E se la gente cambia davvero, noi che facciamo? E se Dio perdona davvero, qual è il nostro posto? Nessun sospetto che il regno era anche per loro, se rinati dall’alto. Se introdotti dalla proposta di Gesù.

Vuoi lo spot di Gesù anche per te?

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Email this to someone
Paolo Floretta
ARTICOLO DI: Paolo Floretta

“Fra Paolo Floretta è francescano conventuale. Laureato in filosofia e psicologia, è specializzato in psicoterapia. Ha lavorato al Messaggero di sant’Antonio, seguendo per alcuni anni lo sviluppo del web e il suo uso in chiave pastorle. Ha insegnato presso la Facoltà Teologica del Triveneto e si occupa di formazione e accompagnamento psicoterapeutico. Sta concludendo la specializzazione in teologia spirituale. Con don Marco Sanavio ha pubblicato Webpastore.it (EMP 2010).”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio