Il sale e gli avvoltoi dei rimpianti (Lc 17, 26-37)

Business as usual. Impegnati, appunto, nei soliti affari, arriva il diluvio e solo il folle Noè si salva. Oppure: piove fuoco e zolfo dal cielo e solo Lot lascia Sodoma per scampare. La moglie tuttavia si volge indietro nostalgica. Non sa staccarsi da quella che è stata la sua vita e diventa di sale. Perde la sua vita perché ha voluto salvarne la versione precedente. La novità di Dio l’ha spaventata. A morte.

Nel Sacrum Commercium Madonna povertà parla a Francesco e ai suoi frati del progresso e del regresso nella vita religiosa proprio riferendosi all’episodio della moglie di Lot: «Ecco, fratelli, ho raccontato a voi una lunga storia, affinché i vostri occhi precedano i vostri passi e possiate vedere che cosa dovete fare. E’ molto pericoloso guardare indietro e prendersi gioco di Dio. Ricordatevi della moglie di Lot e non prestate fede a ogni ispirazione. Tuttavia confido in voi, carissimi, perché in voi più che in altri scorgo cose migliori e che avvicinano alla salvezza, e appare con evidenza che voi avete gettato via decisamente ogni cosa e vi siete liberati totalmente di ogni peso.» (FF 2012).

Gesù usa un’altra metafora forte: «Dove sarà il cadavere, là si raduneranno anche gli avvoltoi». E’ la fatica di uscire dalle nostre sicurezze che alla fine ci toglie vita. Sembra che rinunciarvi sia morire, quando è vero esattamente il contrario. Possiamo scoprire di poter vivere anche meglio. Liberi per qualcosa di ancora inedito. Einstein affermava che è indice di follia pretendere risultati diversi facendo le stesse cose di sempre.

Dove mi vorrebbe portare la novità di Dio? Quali rimpianti frenano novità di vita più piena?

 

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+1Email this to someone
Paolo Floretta
ARTICOLO DI: Paolo Floretta

“Fra Paolo Floretta è francescano conventuale. Laureato in filosofia e psicologia, è specializzato in psicoterapia. Ha lavorato al Messaggero di sant’Antonio, seguendo per alcuni anni lo sviluppo del web e il suo uso in chiave pastorle. Ha insegnato presso la Facoltà Teologica del Triveneto e si occupa di formazione e accompagnamento psicoterapeutico. Sta concludendo la specializzazione in teologia spirituale. Con don Marco Sanavio ha pubblicato Webpastore.it (EMP 2010).”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio