Potere alla Parola! Terza: Laudato si’!

Un’altra parola di san Francesco. Ce l’hanno insegnata a scuola, dicendoci che è stata una delle prime in lingua volgare. Ed è bello che l’italiano sia iniziato così: laudato si’! Che è come dire,  con tutte le proprie forze: grazie! È lasciare ad ogni atomo del nostro corpo di danzare sulle note  della vita! È sintonizzarsi con il canto della creazione, con il grazie che ogni fiore, insetto, foglia,  goccia d’acqua, tramonto, pianeta, galassia, innalza al Creatore! È un atteggiamento di fondo,  non di chi non veda la realtà per quella che è, e talvolta quasi inguardabile. Ma di chi la vede  nei sogni provvidenziali di Dio.
Di chi sa stupirsi, ed indignarsi. Meravigliarsi, ed impegnarsi.  Alzare lo sguardo verso il cielo, ed abbassar gli occhi a terra. È lo sguardo bambino dell’adulto.  È umiltà, perché è consapevolezza di quanto ciascuno di noi e tutto il resto vale agli occhi di Dio!  È essere più di là che di qua, capaci di dire al passato: grazie! E al futuro: sì! La lode non causa  “passività”, anzi, perché a Colui che tutto ci dà e tutto si dà a noi, non possiamo che rispondere  altrettanto: «Nulla, dunque, di voi trattenete per voi, affinché tutti e per intero vi accolga Colui che  tutto a voi si offre», confida Francesco ai suoi frati.

È coscienza che tutto ciò che siamo ed abbiamo, non ce lo siamo dati da soli. Ma è dono del buon  Dio! A noi, eventualmente, il compito, con responsabilità e fantasia ma anche con accettazione dei  propri limiti, di far crescere e di far fruttare tutti questi talenti. Per noi. Per tutti i nostri fratelli e  sorelle. Per la creazione tutta. Per Dio. E forse per tutto ciò assieme.

Per Francesco e Chiara, non vivere in questo constante e continuo rendimento di grazie, significa  essere… ladri! Perché presuppone la volontà di appropriarsi, e cioè non restituire al Datore di ogni  bene, Dio appunto, tutti i beni che egli ci dà. Anzi, ogni cosa che egli ci dà.

Intonare il “laudato si” comporta perciò l’acuta, e talvolta sofferta, percezione della propria povertà,  ma accompagnata dalla serenità e dalla pace che ci dà il saperci sprofondati nelle mani di Dio.  Questa è la vera letizia! Saperci lì al sicuro, qualsiasi cosa e qualsiasi esperienza ci sia dato di  vivere.

Spingendosi fino all’estremo? Perché no. Osando con Francesco, se non proprio cantare come fece  lui quella sera del 3 ottobre 1226, alla Porziuncola, almeno sussurrare: “Laudato sie, mi Signore,  per sora nostra morte corporale!”.

Così terminano le Lodi per ogni ora, composte da san Francesco: «Onnipotente, santissimo,  altissimo e sommo Iddio, ogni bene, sommo bene, tutto il bene, che solo sei buono, fa’ che noi ti  rendiamo ogni lode, ogni gloria, ogni grazia, ogni onore, ogni benedizione e tutti i beni. Amen».

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+1Email this to someone
Fabio Scarsato
ARTICOLO DI: Fabio Scarsato

“Fra Fabio Scarsato – Originario di Brescia, frate minore conventuale, è appassionato di san Francesco e francescanesimo, che declina come stile di vita personale e come testimonianza agli altri. È passato attraverso esperienze caritativo-sociali con minori e giovani in difficoltà, esperienze parrocchiali e santuariali nella trentina Val di Non (Sanzeno e S. Romedio), di insegnamento della spiritualità francescana, condivisione di esercizi spirituali e ritiri, grest e campiscuola anche intereligiosi, esperienze di eremo e silenzio. Attualmente vive al Villaggio S. Antonio di Noventa Padovana, ed è direttore editoriale del Messaggero di S. Antonio, del Messaggero dei ragazzi e delle Edizioni Messaggero Padova.”

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Registrati
Esegui Login
Messaggero di Sant'Antonio